martedì, maggio 09, 2006

Bandiere blu, sarà vero?

Anche quest’anno la Fee (Federazione dell’educazione ambientale) ha “consegnato” ai diversi mari europei le bandiere blu, che dovrebbero essere basate sulla pulizia delle acque calcolata in base ad alcuni indicatori. Il risultato ha premiato la Spagna con 104 bandiere seguita dall’Italia che ne ha collezionato 90, proprio come nell’anno precedente. Tra le regioni italiane la Toscana si è piazzata al primo posto con ben 14 premi assegnati mentre all’ultimo posto, a pari merito con una sola bandiera, si sono piazzate Basilicata, Molise e Sardegna. Scusa ho letto bene? La Sardegna? Pare di si, l’isola più bella d’Italia e una fra le più belle al mondo (dal punto di vista del mare e delle spiagge) ha ricevuto soltanto una misera bandiera. Avendo personalmente visto dal vivo numerose spiagge sarde, mi chiedo come sia stato possibile un risultato del genere, vista anche l’enorme superficie bagnata dal mare, immensamente superiore a Basilicata e Molise. E’ legittimo avere dei dubbi sul metodo adottato nel momento in cui vedo che spiagge come Rimini, Misano, Cattolica, Lignano Sabbiadoro, Jesolo, tutte visitate da me in persona, hanno ottenuto una bandiera? Forse l’unica bandiera che può essere assegnata a Rimini è quella gialla, per le altre località non saprei nemmeno…Probabilmente l’attribuzione dei premi è stata fatta dopo una notte passata nei locali notturni delle località sopra indicate e, secondo alcune indiscrezioni, le bandiere si riferirebbero proprio alla densità di locali notturni presenti in una determinata area turistica. Scherzi a parte, chiedo a voi se sia legittimo avere dei dubbi in merito, presentandovi nella foto una bellissima spiaggia della Sardegna, precisamente Villasimius.

Napolitano Presidente

19 Comments:

At maggio 10, 2006 10:19 AM, Blogger Undine said...

Anch'io sono rimasta perplessa in merito ai riusltati e alle bandiere assegnate. Le località balnerai romagnole sono in genere infrequentabili di giorno...sulle spiagge l'aria è irrespirabile, sporcizia e alghe raggiungono i bimbi col secchiello. No, non condivido l'assegnazione delle bandiere blu, non il criterio con cui sono state scelte diverse località.

 
At maggio 10, 2006 10:56 AM, Blogger informatore said...

Meno male, siamo in due!

 
At maggio 10, 2006 11:25 AM, Anonymous fabio said...

Bisognerebbe capire il metodo di assegnazione utilizzato...tipo servizi turistici, inquinamento delle acque, facilità di ragiungimento..etc...sono ignorante su questo argomento e non so come vengano fatte le valutazione...ma questa forse potrebbe essere una spiegazione...buona rierca!

 
At maggio 10, 2006 11:56 AM, Anonymous Wallaby said...

Penso che la bandiera abbia un prezzo. Sardegna, Puglia e Sicilia non hanno bisogno di alcuna bandiera, la riviera romagnola sì.

 
At maggio 10, 2006 12:26 PM, Anonymous Anonimo said...

Sono daccordo sul fatto che i paghi e vi dico che in sardegna passo ogni annole mie vacanze per ragioni affettive e c'è un mare da urlo mentro abito a 20 km dalla Romagna dove non immergerei in acqua neanche un dito.

 
At maggio 10, 2006 12:28 PM, Anonymous Anonimo said...

questo è il motivo: facile intuire perchè toscana ed emilia romagna abbiano ottenuto più bandiere, bisogna tenere conto anche dei servizi.
I criteri per l'assegnazione della Bandiera Blu sono raggruppati in tre categorie: qualità delle acque, informazione ed educazione ambientale, sicurezza e servizi di spiaggia. Tra i principali requisiti richiesti:

assoluta validità delle acque di balneazione
elaborazione da parte dei Comuni di un piano per eventuale emergenza ambientale
elaborazione da parte del Comune di un piano ambientale per lo sviluppo costiero
acque senza vistose tracce superficiali di inquinamento (chiazze oleose, sporcizia,ecc.)
spiagge allestite con contenitori per rifiuti in numero adeguato
spiaggia tenuta costantemente pulita
dati delle analisi delle acque di balneazione a disposizione
facile reperibilità delle informazioni sulla Campagna Bandiere Blu d'Europa
iniziative ambientali che coinvolgano turisti e residenti
servizi igienici in numero adeguato nei pressi della spiaggia
collocamento di salvagenti ed imbarcazioni di salvataggio
assoluto divieto di accesso alle auto sulla spiaggia
assoluto divieto di campeggio non autorizzato
facile accesso alla spiaggia
rispetto del divieto di attivitá che costituiscono pericolo per i bagnanti
equilibrio tra attivitá balneari e rispetto della natura
servizi di spiaggia efficienti
accessi facilitati per disabili
fontanelle di acqua potabile

 
At maggio 10, 2006 12:31 PM, Anonymous Anonimo said...

non conosco la romagna ma puglia e sardegna molto bene. ho sentito che le bandiere si assegnano anche in merito ai criteri dello smaltimento rifiuti, pulizia spiagge, recettività ecc. e allora non ci siamo proprio, Otranto non la merita certo! Per carità è una bella cittadina con belle coste ma per la pulizia delle spiagge e del mare bisognerebbe darle la bandiera nera. Invece in Sardegna i luoghi che ho frequentato io, Is Arutas, San Teodoro, la penisola del Sinis la bandiera blu la meritano eccome!

 
At maggio 10, 2006 1:01 PM, Anonymous Anonimo said...

beh se le bandiere vengono assegnate in base alle caratteristiche dell'acqua l'avrebbe presa anche il mio cesso perchè è messa sicuramente meglio di quella della riviera romagnola...
Poi però se si guarda alla comodità di raggiungere le spiagge e la possibilità di divertirsi in locali pubblici probabilmente non c'è niente di meglio della romagna...

 
At maggio 10, 2006 1:08 PM, Anonymous Anonimo said...

Civitanova Marche: anche quest'anno ha la bandiera blu. Ma basta dare un'occhiata al mare (marrone, torbido, sporco, con fogne a cielo aperto) e alla qualità dei servizi per capire che è tutta una bufala.

 
At maggio 10, 2006 1:10 PM, Anonymous Anonimo said...

a me paiono le solite cose da comunisti diMMMMERDA...non a caso vengono piazzate prima le regioni rosse.
Il mare in Emilia Romagna migliore di quello della Sardegna? ma per favore.
Se poi la bandiera blu viene assegnata per le puttanate come "facile reperibilità delle informazioni sulla Campagna Bandiere Blu d'Europa" si può tranquillamente concluidere che la sua assegnazione ha un valore NULLO.

 
At maggio 10, 2006 2:48 PM, Blogger informatore said...

Bè sinceramente non credo che i comunisti c'entrino qualcosa, lasciamoli fuori. Non si possono ridurre tutte le notizie ad un piano strettamente politico.

 
At maggio 10, 2006 4:04 PM, Blogger blogn2k said...

Gentile autore,

ti comunichiamo che il tuo post, visibile all'indirizzo http://liberoblog.libero.it/cronaca/bl3524.phtml, ritenuto particolarmente valido dalla nostra redazione, è stato segnalato all'interno di LiberoBlog, il nuovo aggregatore blog di Libero.it.

Pensiamo che questo ti possa dare maggiore visibilità sul web e presumibilmente maggiore traffico sul tuo blog, in quanto Libero.it è visitato quotidianamente da milioni di persone.

Nel caso tu fossi contrario a questa iniziativa, il cui fine è quello di segnalare ai nostri lettori i contenuti più validi rintracciati nella blogosfera, ti preghiamo di segnalarcelo via e-mail chiedendo la rimozione del tuo post dal servizio. Procederemo immediatamente.

Per saperne di più di LiberoBlog e sulla sua policy:

http://liberoblog.libero.it/disclaimer.php

Per suggerimenti e critiche, non esitare a contattarci a questo indirizzo
e-mail: blog.n2k@libero.it

Ringraziandoti per l'attenzione, ti porgiamo i nostri più cordiali saluti

LiberoBlog Staff

 
At maggio 10, 2006 5:30 PM, Anonymous miky said...

Stamani ho ascoltato il commento di Gianfranco Amendola 8magistrato che si occupa di ambiente) e si è chiarito il perchè: questa fondazione distribuisce le bandiere solo alle località che si iscrivono, quindi pagano, alla stessa, credo. Si deduce, pertanto, che non è un indagine imparziale ma limitata e io, credo, anche piuttosto condizionata. P.S. la FEE, infatti, non è più sovvenzionata dalla CE.

 
At maggio 10, 2006 5:32 PM, Blogger informatore said...

E si, ho letto un articolo nel quale alcuni sindaci sardi dicevano che vi era stato un ritardo nella spedizione della domanda e pertanto alcune spiagge sarde non sono nemmeno state considerate e analizzate!!!

 
At maggio 11, 2006 12:15 PM, Anonymous SIDOLI.ORG said...

Non dobbiamo essere così negativi... abbiamo un mare pulito e dobbiamo esserne fieri.

Lista dei mari puliti

 
At maggio 11, 2006 3:09 PM, Anonymous Anonimo said...

io non sono mai stata in Sardegna, ma Forte dei Marmi rientra nelle località con bandiera blu. Scusate, ma io le poche volte che ci sono stata ho trovato solo spazzatura galleggiante ovunque e un mare che sembrava olio. Comodo farli a Febbraio i rilievi, provate un po' a scendere in spiaggia a fare analisi il 15 di Agosto e poi ne riparliamo. io penso che sia anche qui una questione di mazzette...

 
At maggio 12, 2006 1:05 PM, Anonymous Anonimo said...

Per avere la bandiera blu, i comuni interessati la devono inanzitutto richiedere. L'ente che rilascia le bandiere blu, è un'ente privato. Se i comuni della Sardegna non hanno richiesto il controllo e l'assegnazione delle bandiere blu, considerato il pieno turistico che giustamente si merita, può darsi che abbiano ritenuto, come tanti, che le bandiere che sventolano indicano solo la direzione del vento e non la qualità dell'ambiente

 
At maggio 17, 2006 3:13 PM, Anonymous Anonimo said...

basta andare sul sito di lega ambiente per avere il risultato su TUTTE le spiagge italiane altro che bandiere blu

 
At giugno 08, 2009 5:51 PM, Anonymous Anonimo said...

Se è vero come è vero che l'ente che redige la classifica è internazionale e la Spagna con il medesimo metodo di valutazione ha preso più bandiere blù dell'Italia,mi verrebbe da dire che la Spagna ha più fogne che mare, strano perchè moltissimi italiani si sbellicano dal definire il mare e la costa Spagnola straordinaria.
Ergo,che come al solito ci sono sempre troppe teste calde che denigrano l'Italia,le località italiane e così via.
Bene !!,poi non lamentatevi che non trovate lavoro cagoni !

 

Posta un commento

<< Home

Free Hit Counter
Free Hit Counter