giovedì, maggio 04, 2006

Il calcio trema.

E’ da tempo immemorabile che si sente parlare di favori arbitrali concessi alle grandi squadre, soprattutto Juventus e Milan, di sudditanza psicologica e di una serie di decisioni discutibili sempre a favore dei grandi club. C’è chi ha sempre negato l’esistenza di favoritismi, difendendo il mondo del calcio e la sua integrità morale. C’è chi ha sempre negato la sudditanza psicologica degli arbitri sostenendo, inoltre, che alla fine le grosse squadre, con o senza favori, comunque vincerebbero essendo più forti. C’è, invece, chi ha tentato in qualche modo di scoperchiare la pentola bollente del mondo del pallone con esiti poco rilevanti. Per esempio, il famoso allenatore boemo Zdenek Zeman aveva posto all’attenzione mediatica la questione relativa all’uso del doping nelle squadre di calcio accusando, in particolar modo, la Signora Juventus, poi assolta nel relativo processo. C’è anche chi ha sempre sostenuto l’esistenza di una forte disparità fra il trattamento arbitrale concesso alle grandi squadre e quello concesso alle provinciali. E’ possibile seguire dibattiti di questo tipo più o meno ogni domenica e lunedì nelle varie trasmissioni calcistiche quali la “Domenica Sportiva”, “Controcampo”, “Il Processo di Biscardi”. Ora, il mondo del calcio inizia a tremare dopo le intercettazioni telefoniche, ormai di moda, che hanno visto coinvolti Moggi (dg della Juventus) e Pairetto (designatore arbitrale) e nelle quali sembra che il primo indicasse al secondo gli arbitri da assegnare alla sua squadra in occasione di alcune partite di due anni fa. Si profila un’altra estate bollente, e l’unica cosa che spero sia fatta è un’operazione chiarezza su ciò che è accaduto. Certamente non sarà una questione semplice da affrontare perché si tratta di questioni molto delicate che, se confermate, rischiano di macchiare indelebilmente la credibilità dello sport più amato dagli italiani. Attendiamo ulteriori notizie ed indagini che possano rendere il prossimo campionato di calcio più equo e meritocratico. E’ giusto che vinca chi dimostra la propria forza sul campo e non chi dimostra la propria forza nel sapersi scegliere gli arbitri.

2 Comments:

At maggio 04, 2006 10:58 PM, Anonymous ilCorriero said...

E il gen.Pappa che farà?

 
At maggio 05, 2006 7:05 PM, Anonymous Anonimo said...

http://panucciaimondiali.blogspot.com/
Una altro scandalo....una covocazione su cui ci sarebbe da discutere

 

Posta un commento

<< Home

Free Hit Counter
Free Hit Counter