giovedì, maggio 18, 2006

Auguri al nuovo Governo!

Da ieri l’Italia ha ufficialmente un nuovo Primo Ministro, Romano Prodi, ed un nuovo esecutivo formato da ben 25 Ministri di cui 2 Vice-Premier: Rutelli e D’Alema. Niente di nuovo, si sapeva già che Romano Prodi sarebbe stato il nuovo Premier ma ieri, dopo le consultazioni di rito, il neoeletto Presidente della Repubblica Napolitano ha dato ufficialmente l’incarico a Prodi di formare il Governo. Non vorrei entrare nel merito delle decisioni di Romano Prodi nell’assegnare i Ministeri e mi limito a constatare che, nonostante i proclami pre-elettorali, sono soltanto 6 le donne Ministro. Detto ciò, sono contento che l’Italia abbia un nuovo Governo che, mi auguro, possa agire in forte discontinuità con quello appena passato. Il compito di Prodi non sarà semplice a causa della esigua maggioranza di senatori ma è compito suo tenere unita l’Unione al fine di evitare imbarazzanti sconfitte al Senato. Un primo passo verso l’unità è stato assicurato dall’assegnazione del Ministero della Giustizia a Mastella, il più polemico e destabilizzante leader dell’attuale maggioranza. Speriamo che il fatto di essere Ministro responsabilizzi Mastella e non lo induca a fare scenate fuori luogo. La sfida con il futuro è aperta e l’unica richiesta che faccio al nuovo Governo è quella di realizzare e mettere in pratica tutte le promesse ed i programmi che sono stati proposti in campagna elettorale senza nascondersi dietro le solite scuse che tutti i Governi trovano quando non riescono a dar seguito alle promesse fatte. Auguri Prodi, buon lavoro!

7 Comments:

At maggio 18, 2006 4:36 PM, Blogger Charlie SottoLaPioggia.net said...

Ciao, non riecsco a contattarti, avrei una proposta per un blog corale.
Puoi scrivermi privatamente via email?
Grazie, Carlo.

ziofanale@yahoo.it

 
At maggio 18, 2006 6:43 PM, Blogger Stefanoreves said...

Speriamo solo che duri. Almeno tre quattro anni. Ma sarà dura. Moolto dura.

 
At maggio 19, 2006 10:40 AM, Anonymous Anonimo said...

La cosa che più mi infastidisce è la Rosy Bindi al dicastero per la famiglia. E' come mettere un ingegnere alla sanita, o un chirurgo ai lavori pubblici.
Speriamo bene

 
At maggio 22, 2006 3:13 PM, Blogger vieller said...

Effettivamente, per la divisione dei ministeri si deve tener presente, di una molteplicità di situazioni estremamente labili e complicate.
Questo non vuol sempre dire scegliere per il meglio.
Ci consola il fatto che comunque un ministro è attorniato da molteplici persone che si spera lo aiutino. Auguriamocelo

 
At giugno 06, 2006 12:35 PM, Anonymous Anonimo said...

Auguri all'armata brancaleone.

 
At giugno 06, 2006 12:38 PM, Anonymous Anonimo said...

Brutta gente, incompetente e pronta a sbranarsi per una poltrona.

 
At giugno 06, 2006 12:42 PM, Anonymous Anonimo said...

Ma cosa fa Pecoraro al ministero dell'ambiente?
E' verde esternamente ma marcio dentro.

 

Posta un commento

<< Home

Free Hit Counter
Free Hit Counter